Sicurezza aziendale, chi deve occuparsene?

Sicurezza aziendale, chi deve occuparsene?

In molte grandi aziende, avere qualcuno che si occupa a tempo pieno della sicurezza interna è già una realtà, ma non in tutte. L’attenzione verso questo argomento si abbassa man mano che l’azienda che si prende in esame diventa più piccola: questo, da un certo punto di vista, è fisiologico, ma sotto altri punti di vista si tratta solo di disattenzione. Una grande azienda, naturalmente, avrà bisogno di guardie che sorveglino costantemente entrare ed uscite, di un sistema di telecamere esteso e capillare e di un sistema di antifurto efficace: questo, ovviamente, comporta dei costi. Ma, moltissimi altri interventi che riguardano la sicurezza di un azienda possono essere svolti da un fabbro Milano esperto in serrature e tapparelle a basso prezzo, e molte altre precauzioni possono essere prese a costo zero, basta solo cambiare le proprie abitudini.

Ma chi deve occuparsi della sicurezza aziendale? Non sempre occorre una figura specifica all’interno dell’azienda, spesso non occorre nemmeno nominare qualcuno: basta prendere le dovute misure affinché il vostro sistema di sicurezza inizi a funzionare da solo, senza alcun bisogno di qualcuno che controlli.

Tenere al sicuro l’azienda da ladri e malviventi

Con la pandemia globale che imperversa, i classici ladri d’appartamento hanno dovuto reinventarsi: se la gente sta sempre a casa, infatti, i loro colpi abituali diventano impossibili. A farne le spese sono stati i magazzini di aziende e privati e le sedi stesse delle aziende, viste come molto più vulnerabili, soprattutto durante i lunghi periodi di chiusura. Bisogna quindi correre ai ripari e fare di tutto per tenere al sicuro l’azienda da ladri e malviventi. Naturalmente, non tutti possono permettersi sofisticati sistemi d’allarme o un servizio di sicurezza che stia a guardia dello stabile nelle ore notturne, quindi, la cosa da fare, è cercare di rendere l’edificio inaccessibile a chiunque.

Per capire quali punti della sicurezza vadano potenziati e rinforzati, come prima cosa occorre cercare di capire quali potrebbero essere i punti di entrata di un possibile ladro: se ritenete la porta principale abbastanza solida, ad esempio, concentratevi sulle finestre e su eventuali saracinesche presenti. Per quanto riguarda le porte, installare dove possibile porte blindate e dotarle di serrature di ultima generazione, come le serrature con chiavi 3D potrebbe essere un ottimo inizio. Per le finestre, si potrebbe optare per le grate oppure per le tapparelle blindate. Installare le saracinesche blindate e dotarle di serrature sicure e resistenti è la migliore strategia.

Sicurezza interna

Per la sicurezza interna, e anche per mettere ulteriormente in difficoltà un eventuale intruso, un consiglio è quello di chiudere sempre le porte a chiave, anche durante gli orari di lavoro. Per massimizzare l’efficienza di questo sistema, è possibile adottare un sistema a chiave maestra, in modo che i dipendenti abbiano accesso soltanto alle zone dell’edificio necessarie al loro lavoro. Inoltre, è buona norma e regola proteggere adeguatamente i computer aziendali e rendere difficilmente reperibile qualsiasi dato, sia personale che dell’azienda, nel malaugurato caso in cui dei malviventi riescano a portare via le apparecchiature elettroniche.

pamela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *