Documentazione necessaria per trasferirsi alle Canarie

Molte persone, dopo aver trascorso una vita intera nel proprio paese natale, sentono l’esigenza di cambiare radicalmente la propria vita e scelgono così di trasferirsi in un altro paese. Altri invece, magari più giovani, decidono di lanciarsi in nuove esperienze lavorative in altri paesi. Una delle mete più gettonate (e sognate) è l’incantevole arcipelago delle Isole Canarie.

Come accade anche nel nostro paese, per potersi trasferire alle Canarie ed essere riconosciuto a tutti gli effetti un “canario”è necessario presentare una precisa documentazione reperibile dai propri enti territoriali. Ma quali sono quindi i documenti necessari per le Canarie? Scopriamolo insieme.

Elenco dei documenti necessari ai fini del trasferimento

In primo luogo, per ottenere regolarmente la residenza, sarà indispensabile essere titolari di un diritto reale, come ad esempio un atto di compravendita che attesti che si è proprietari di una abitazione oppure un contratto di locazione. Ciò serve a dimostrare che si è già in possesso di un luogo in cui andare a vivere al momento dell’arrivo.

Chiunque abbia l’intenzione di entrare nel paese deve essere in possesso di regolare passaporto, in corso di validità. Oltre a questo sarà necessario avere con sè i propri documenti di riconoscimento (e le fotocopie dei medesimi) rilasciati ufficialmente dal proprio Stato di appartenenza, in questo caso dallo Stato Italiano. Alle Canarie, a differenza di alcuni paesi, vige la regola che la regolare validità di un documento non viene attestata mediante il riconoscimento con la foto ma attraverso l’ente (in questo caso il Comune di appartenenza) che ha emesso il documento stesso. Infatti in molti casi viene considerato come documento valido di riconoscimento anche la patente, cosa che in molti paesi, invece, non avviene.

In Spagna, ad esempio, la carta di identità non viene considerata come documento valido ai fini dell’espatrio ma sarà obbligatorio procurarsi nel più breve tempo possibile il cosiddetto NIE (Número de Identificación de Extranjeros); si tratta di un numero strettamente personale, che ricorda molto il Codice Fiscale o il numero della Carta di Identità, necessario e indispensabile a tutti quei soggetti che intendono risiedere in terra spagnola per un tempo massimo che supera i tre mesi. Questo numero servirà altresì per consentire al soggetto in questione di cercare lavoro ed essere regolarmente assunto a tempo indeterminato.

È possibile avviare un’attività lavorativa?

Chiunque disponga dei mezzi economici necessari può avviare una attività alle Canarie, chiaramente come avviene in Italia, anche lì sarà necessario adempiere ad alcuni obblighi burocratici. Innanzitutto bisognerà recarsi presso l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate del posto, il quale si premurerà di stilare una relazione annotando tutte le richieste sottopostogli e darà una valutazione alla stessa; se l’esito sarà positivo, allora verrà approvata la futura attività commerciale.

Avviare una attività comporta l’obbligo di acquisto di beni. Ciò sarà possibile esclusivamente se l’imprenditore è in possesso del NIE. Per richiederlo basta recarsi presso enti quali Ufficio Immigrazione oppure al Commissariato di Polizia.

Il passaggio successivo sarà quello di effettuare l’iscrizione presso l’Ufficio Anagrafe della circoscrizione di riferimento; in questo modo sarà possibile ottenere il domicilio, il quale servirà momentaneamente per vivere in terra spagnola, evitando rischi inutili.

Assicurazione sanitaria: ecco tutto ciò che c’è da sapere

Per conquistare il pieno diritto di vivere alle Canarie è obbligatorio per chiunque stipulare un’assicurazione sanitaria. Questa misura è stata espressamente voluta dallo Stato proprio per non permettere a chiunque di entrare e per far sì che la sanità pubblica non fosse appesantita.

In conclusione, è fondamentale prima di avventurarsi in un’esperienza del genere essere sicuri di avere tutti i documenti in regola in modo tale che, una volta arrivati, non si corra il rischio di dover tornare indietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *