Come curare l’apnea notturna nei bambini

Come curare l’apnea notturna nei bambini

Il ruolo del genitore è senza dubbio uno tra i più difficili e allo stesso tempo importanti di cui una persona possa fare esperienza. Essere consapevoli della totale dipendenza di un’altra vita dalle proprie scelte è estremamente difficoltoso.

Come diceva Winnicott, il famoso pediatra e psicoanalista britannico, “non esiste un bambino senza una madre” proprio per sottolineare quanto il ruolo di quest’ultima e di chiunque si occupi dell’infante sia fondamentale per la sua crescita fisica e psichica. Dover fare attenzione anche al più piccolo cambiamento nel bambino richiede un estremo impegno da parte del genitore che fa da contenitore per i bisogni della nuova vita nascente. Il genitore deve saper dare sempre più spazio alla crescita del bambino, solo facendo ciò quest’ultimo sarà in grado di esplorare il mondo intorno a lui e allo stesso tempo saprà di avere un posto sicuro in cui tornare.

Essere continuamente preoccupati per la salute di un neonato o di un bambino è normale, soprattutto per chi è da poco in questo ruolo. Molto spesso, però, le preoccupazioni non hanno una natura fondata e ci si ritrova a vivere intensi momenti di stress anche in situazioni che non ne richiedono. A mio parere l’unico modo per vivere in maniera più tranquilla la vita genitoriale è l’informazione ed è proprio per questo che oggi andrò a spiegarti il fenomeno dell’apnea notturna, una delle principali cause di apprensione di un genitore.

Cos’è l’apnea notturna?

La Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS) è causata dall’ostruzione delle vie aeree alte che impediscono una normale respirazione. Le apnee notturne di cui andrò a parlare fanno riferimento in particolare alle fasi evolutive di crescita del bambino.

Apnea notturna nei neonati

Nei neonati è piuttosto diffusa e solitamente non rappresenta un reale problema. Vi sono due principali cause per l’apnea notturna nel neonato:

  1.  Il bambino tende ad andare in apnea per pochi secondi tra un respiro e l’altro perché il suo cervello non ha ancora perfezionato il meccanismo di controllo del respiro. Questa irregolarità, per quanto possa sembrare preoccupante, andrà a sparire con la crescita.
  2. Un’altra causa diffusa di apnea notturna è quella del rigurgito. Non è raro che il neonato, per via del esofago non completamente sviluppato, rigurgiti bloccando le vie respiratorie. Questo problema può essere ovviato grazie alla stimolazione al ruttino che implica la digestione del bambino.

Se invece il genitore nota strane reazioni nel neonato come un colorito eccessivamente pallido, scarsa risposta agli stimoli e ipotonia è fortemente consigliato far visitare il neonato da un pediatra.

Apnea notturna nei bambini

Diverso è il discorso per le apnee notturne nei bambini in età prescolare e scolare. Uno dei sintomi più chiari di questo tipo di disturbo è il russamento anche se non sempre presente e non per forza indice di OSAS.

L’apnea notturna nel bambino se non trattata può portare gravi conseguenze sul piano della crescita ed è per questo fondamentale agire in tempo. Per riconoscere la Sindrome delle Apnee Ostruttive del sonno è importante osservare i comportamenti del tuo bambino. I bambini che soffrono di OSAS sono estremamente stanchi, dormono in posizione strane per riuscire a respirare, presentano episodi di incontinenza urinaria e mal di testa mattutini. Tra gli altri sintomi è molto comune un sonno disturbato che porta spesso ad un’iperattività diurna.

Le cause di questo disturbo sono molteplici e cambiano di caso in caso ed è per questo che diventa fondamentale il ruolo degli specialisti. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Salute), nelle Linee guida per la prevenzione delle apnee notturne, sottolinea il ruolo fondamentale del trattamento odontoiatrico e soprattutto di un intervento multidisciplinare. Possono essere utili, infatti, anche visite otorinolaringoiatriche o neurologiche.

micheleesperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *